concorsi e partecipazioni

      
 CORSI – CONCORSI E BANDI… partecipa!!!
 

 Pagina dedicata a tutti coloro che hanno desiderio e forza di competere. Quando partecipi ad una gara, non stai correndo contro gli altri, ma insieme a loro. Ed insieme a loro stai correndo contro te stesso e contro la gara stessa. Partecipare è mettersi in gioco, giocare con se stessi e con gli altri, crescere. Fissare un obiettivo, progettare prepararsi e lavorare per raggiugere un traguardo. Senza pretese, senza ansie e palpitazioni, coscienti che nulla verrà premiato se non il desiderio forte di vincere a tutti i costi contro la nostra pigrizia e sedentarismo. Un augurio che questa pagina possa essere un piccolo contributo nella crescita della persona, la crescita sana, senza paure e indietreggiamenti, la vita ci saggia e ci saggerà sempre, per sentire il nostro profumo e la nostra preparazione ad affrontare sfide sempre più grandi. Augurio di buon lavoro!!!!!!!!!!!





scriviamoci Studente reporter

Autore in 30 righe
partecipa a “Scriviamoci

(Scrivi in una pagina quello che si agita dentro di te e esprimi i pensieri più nascosti.)

… il nuovo contest di Repubblica@SCUOLA, realizzato nell’ambito della campagna “Il Maggio dei Libri” promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, e in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.
Il concorso è riservato agli studenti delle scuole superiori che dovranno raccontare i loro pensieri più nascosti in un testo di massimo 30 righe (circa 2mila battute spazi inclusi).

Gli autori dei tre elaborati migliori, scelti tra tutti coloro che avranno partecipato al contest tramite Repubblica@SCUOLA ed il Centro per il Libro e la Lettura del MiBact, riceveranno bellissimi premi: il primo classificato potrà partecipare ad un corso di tre giorni alla Scuola Holden di Torino, al secondo arriverà un invito per due persone al Festivaletteratura di Mantova, e al terzo l’invito per due persone a Expo 2015 di Milano. Per partecipare c’è tempo fino alle ore 23.59 dell’8 maggio 2015.

Gli studenti per partecipare dovranno inserire il testo sul portale http://scuola.repubblica.it/ . Tutte le informazioni e le modalità di partecipazione alla gara redazionale sono consultabili al link:
http://scuola.repubblica.it/blog/2015/scriviamoci/


 PROGETTO

INFORMATICANDO

USR CAMPANIA ED AICA

bando_AICA_CAMPANIA_2015.doc


“I giovani e le scienze”, il concorso che guarda a Expo 2015

 Premiare le menti più brillanti del Belpaese e, allo stesso tempo, raccogliere proposte interessanti e ‘sostenibili’ in vista di Expo 2015. Sono gli obiettivi del concorso europeo “I giovani e le scienze”, rivolto agli studenti di età compresa tra 14 e 20 anni (non compiuti entro settembre prossimo), che abbiano una buona conoscenza della lingua inglese. In Italia l’iniziativa è promossa da Fast, la Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche, in collaborazione con  AICA, l’Associazione italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico.

I partecipanti sono chiamati a presentare, entro il 25 febbraio, studi o progetti digitali innovativi in qualsiasi campo scientifico – chimica, fisica, matematica, medicina, salute, energia rinnovabile, acqua, tecnologie a idrogeno, scienze della terra, biologiche o ambientali – che siano coerenti con il tema di Expo, “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”. Le idee potranno riguardare i settori più diversi, dall’alimentazione alla tecnologia, dalla salute al rapporto tra energia e ambiente, dal turismo alla cultura. Ogni progetto, della lunghezza massima di 10 pagine, dovrà essere redatto sia in italiano che in inglese e potrà essere accompagnato da grafici, foto e illustrazioni.

Gli autori dei due migliori elaborati avranno l’opportunità di partecipare a prestigiosi eventi internazionali dedicati ai giovani scienziati, tra cui l’INESPO, l’Olimpiade internazionale dell’ambiente e della sostenibilità, che si terrà in Olanda dal 31 maggio al 5 giugno, e il LIYSF, il Forum internazionale giovanile della scienza, in programma a Londra dal 22 luglio al 5 agosto. Il bando e i dettagli del concorso sul sito www.fast.mi.it 


Adesivo

Un progetto del Rotary Club Napoli Castel Sant’Elmo

In collaborazione con:  A.B.C. (Acqua Bene Comune);

Premessa

L’acqua è un patrimonio inestimabile dell’umanità e spetta a tutti difenderla.
Tutti sanno dell’importanza di bere acqua. Il nostro organismo è formato principalmente da acqua: all’inizio della vita rappresenta il 75% circa del peso corporeo e, in percentuale, diminuisce fino all’età adulta, quando si stabilizza intorno al 55-60% del peso corporeo. Nell’anziano si ha una diminuzione della quantità di acqua, sia come valore assoluto che come frazione percentuale. Anche tra i due sessi vi sono delle differenze che si evidenziano a partire dall’adolescenza: la donna ha una maggiore percentuale di tessuto adiposo (povero di acqua) e ha percentualmente una minore quantità di acqua.
Nel nostro organismo l’acqua agisce da solvente per la maggior parte dei nutrienti (minerali, vitamine idrosolubili, aminoacidi, glucosio, ecc.), svolgendo un ruolo essenziale nella digestione, nell’assorbimento, nel trasporto e nell’utilizzazione delle sostanze che ingeriamo;
è il mezzo attraverso il quale l’organismo elimina le scorie metaboliche; funge da regolatrice della temperatura corporea; agisce come “lubrificante” nei tessuti ammortizzatori delle articolazioni e dei tessuti; mantiene elastiche e compatte la pelle e le mucose; garantisce la giusta consistenza del contenuto intestinale; aiuta nel processo di apprendimento, contribuendo anche alla memorizzazione ed alla concentrazione; In linea di massima è possibile affermare che il fabbisogno idrico può variare da 2 a 5 litri in proporzione all’attività lavorativa, al clima ed alla superficie corporea.

L’UTILIZZO DELLE ACQUE IMBOTTIGLIATE
In un anno, mediamente, in Italia si producono circa 12 miliardi di litri di acqua minerale1.

L’inquinamento

1 Dati forniti da Mineracqua, Altroconsumo, Annuario Acque Minerali

Considerando che per produrre le bottiglie di plastica necessarie per la quantità sopra indicate sono state utilizzate 350mila tonnellate di PET, si può stimare un consumo di 665mila tonnellate di petrolio e un’emissione di gas serra complessiva di circa 910mila tonnellate di CO2 .

Anche la fase del trasporto dell’acqua minerale influisce molto sulla qualità dell’aria, in quanto le acque minerali percorrono molti chilometri prima di arrivare sulle nostre tavole; solo il 18% delle bottiglie di acqua minerale viaggia su ferrovia, mentre la rimanente parte viaggia su camion. Tutti sanno che il trasporto su gomma è uno dei maggiori responsabili dell’inquinamento atmosferico ed in particolare, i veicoli pesanti, ovvero quelli coinvolti nel trasporto delle bottiglie d’acqua, rappresentano il 23% delle emissioni di PM10 da trasporto stradale.

Per avere un’idea dei movimenti d’acqua nel nostro paese basta osservare il trasporto delle prime 15 marche nazionali1: l’acqua Lilia dalle fonti del Vulture (Basilicata) percorre 847 km per arrivare a Genova e 861 per raggiungere Milano. Al contrario, l’acqua Levissima, dall’arco alpino, per raggiungere i supermercati di Napoli compie 894 Km, la Sant’Antonio ne impiega 814.

E se prendiamo in considerazione le stesse fonti alpine e calcoliamo le distanze tra queste e le regioni ancora più a Sud, (come la Puglia ad esempio) i chilometri salgono fino a 1000, per non parlare poi del tragitto che compiono per arrivare sino a Palermo (1500 Km circa).
Statisticamente una famiglia media di tre persone utilizza ogni giorno almeno una confezione d’acqua da 6 bottiglie da 1,5 litri cadauna.

I costi
Analizzando la spesa media che una famiglia sostiene per l’acquisto di acqua minerale in bottiglia si può facilmente calcolare che si spendono dai 20 ai 50 centesimi al litro, quindi la nostra famiglia campione di tre persone spende da un minimo di € 1,20, ad un massimo di € 7,50 al giorno. Tradotto mensilmente significa da € 36, a € 225.

L’ACQUA DI RUBINETTO

L’acqua che sgorga dai nostri rubinetti giunge nelle case attraverso acquedotti che non producono alcun tipo d’inquinamento da CO2 e non contribuiscono ad aumentare il traffico sulle strade.

La fornitura è continua, non si rischia di rimanerne senza ed inoltre non si devono portare pesi dal supermercato sino a casa.
Il costo è mediamente di circa 0,70-0,80 centesimi a metro cubo, cioè per ogni 1000 litri.
Utilizzare l’acqua di rubinetto per bere, quindi, conviene per un’infinità di motivi, da quelli economici a quelli ambientali.

IL PROGETTO

L’acqua che sgorga dai rubinetti napoletani non è affatto di cattiva qualità, ma questo i nostri concittadini non lo sanno. Anzi, lo sanno bene perché usano l’acqua di rubinetto per cucinare, per fare il caffé, per preparare la pizza e tanto altro…………….ma perché allora non la usano per bere?

Preconcetti e pregiudizi errati.

Il progetto “Una Napoli da bere” propone una campagna di sensibilizzazione della cittadinanza e soprattutto degli studenti di scuole di ogni ordine e grado, verso la bontà dell’acqua di rubinetto.
In collaborazione con L’A.B.C. (Azienda Beni Comuni) si organizza una visita guidata gratuita presso la sede del Museo dell’acqua di Napoli e dei serbatoi sotterranei dello Scudillo, i più grandi di Europa.

Il Club Rotary Napoli Castel Sant’Elmo, in qualità di organizzatore e coordinatore del progetto, fornendo anche la professionalità dei soci esperti nel settore ambientale, propone, agli studenti partecipanti, un concorso con in palio un buono libro da spendere presso la libreria “La Feltrinelli”, per la produzione del miglior elaborato in tema (video, audio, testo, power point o ogni altra forma di comunicazione). Alla scuola ed a tutti i partecipanti (Docenti e studenti), sarà anche dato un attestato di partecipazione al progetto.

A tutti gli studenti che parteciperanno alla visita guidata sarà dato in regalo l’adesivo del progetto.

Scopri di più……Napoli_da_bere


http://www.highschoolgame.it/

High School Game è una grande sfida culturale rivolta agli studenti del quarto e quinto anno di Licei e Istituti Superiori di II grado, pubblici e paritari, di tutta Italia: una simulazione in chiave tecnologica dei test d’ingresso universitari.

Un modo alternativo di stimolare l’apprendimento e decretare la classe più preparata attraverso una ludica e sana competizione con l’ausilio delle nuove tecnologie multimediali al passo coi tempi.

MODULO D’ISCRIZIONE

 


 

Premio Parthenope

Giovani talenti per la Città

V Edizione 2014-2015

 


“Fumetti per la Scienza”

L’Istituto per le Applicazioni del Calcolo “Mauro Picone” (I.A.C.) del
Consiglio Nazionale delle Ricerche, in occasione della celebrazione
dei sessantanni dall’Inaugurazione della FINAC, la
prima calcolatrice elettronica del Consiglio Nazionale delle Ricerche,
bandisce il  concorso “Fumetti per la scienza” per gli studenti delle
classi del quarto e quinto anno delle scuole secondarie di II grado
(vedi allegato per maggiori informazioni). La scadenza 15 aprile 2015.
Il link diretto alla pagina dove trovare maggiori informazioni è qui:
http://www.iac.rm.cnr.it/iacsite/?page=list_events_new&cod=459

concorso_finac


“Napul’è”

L’USR Campania, Ufficio XI Ambito Territoriale Napoli, e la Consulta Provinciale degli studenti di Napoli indicono un concorso a premi dal titolo “Napul’è”.
Il concorso ha lo scopo di avvicinare i giovani allo studio del proprio territorio, per evidenziarne, nonostante i tanti problemi ben evidenti, la bellezza artistica, storica, culturale, paesaggistica e sviluppare quel senso di responsabilità utile ad un maggiore coinvolgimento ed attivismo sociale riguardo le problematiche esistenti.

  • La partecipazione al concorso è riservata a studenti e studentesse che frequentano gli Istituti Secondari di II grado statali e paritari di Napoli e provincia. Il concorso prevede l’elaborazione, in maniera originale e significativa, di un cortometraggio o un brano musicale secondo la tematica di cui al precedente articolo 1 e secondo le indicazioni riportate nella circolare alla quale il bando è allegato.
    • Il concorso prevede la rappresentazione della città di Napoli attraverso una produzione video o un brano musicale che possa valorizzarne il lato artistico, storico, culturale, e/o paesaggistico. Rappresenta, quindi, un’occasione importantissima per le giovani generazioni, di conoscere ed apprezzare, tra le altre cose, la cultura e le tradizioni partenopee, non sempre conosciute.

    Bando di Concorso Napul’ä

scheda di partecipazione

liberatoria